LUCIA DI LAMMERMOOR regia Stefano Vizioli dopo il successo al Teatro Pavarotti Freni di Modena, repliche 5 e 7 Novembre al Teatro Galli di Rimini. Parrucche e trucco Filistrucchi.

LUCIA DI LAMMERMOOR regia Stefano Vizioli dopo il successo al Teatro Pavarotti Freni di Modena, repliche 5 e 7 Novembre al Teatro Amintore Galli di Rimini. Parrucche e trucco Filistrucchi.

Dopo il successo al Teatro Pavarotti-Freni di Modena di Lucia di Lammermoor per la regia del Maestro Stefano Vizioli, il 5 e 7 Novembre l’Opera sarà replicata al Teatro Amintore Galli di Rimini.

Alcune foto di scena e del dietro le quinte

Ecco alcune foto scattate in occasione delle prove, della prima e della replica al Teatro Comunale Pavarotti-Freni di Modena

Il Cast di Lucia di Lammermoor

Riportiamo qui sotto il cast di Lucia di Lammermoor firmata dal M° Stefano Vizioli

Lucia di Lammermoor, dramma tragico in due parti, libretto di Salvatore Cammarano
su musica di Gaetano Donizetti

Lord Enrico Ashton Ernesto Petti
Lucia Gilda Fiume
Sir Edgardo di Ravenswood Giorgio Berrugi
Lord Arturo Bucklaw Matteo Mezzaro spettacoli di Modena
Lord Arturo Bucklaw Giuseppe Infantino spettacoli di Rimini
Raimondo Bidebent Viktor Shevchenko
Alisa Shay Bloch
Normanno Cristiano Olivieri

Regia Stefano Vizioli
Direttore Alessandro D’Agostini
Assistente alla regia Lorenzo Nencini
Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti
Maestro del coro Stefano Colò

Coro Lirico di Modena:
Soprani: Elisa Bonora, Annalisa Ferrarini, Barbara Favali, Beatrice Ghezzi, Keiko Kawano, Maria Komarova, Patrizia Negrini, Silvia Tiraferri, Asako Ukimura.
Mezzosoprani: Barbara Chiriacò, Grazia Gira, Matilde Lazzeroni
Contralti: Laura De Marchi, Sezan Gumustekin, Lucia Paffi
Tenori primi: Carlo Bellingeri, Matteo Bortolotti, Matteo Monni, Luca Favaron, Marco Mignani, Manfredo Meneghetti, Michele Pinto, Andrea Corradini, Jacopo Dipasquale
Tenori secondi: Franco Boer, Lorenzo Baldini, Andrea Parmeggiani, Lorenzo Carazzato, Nicola Enrico Zagni
Baritoni: Riccardo Ambrosi, Marco Mingioni, Romano Franci, Diego Ghinati
Bassi: Stefano Cescati, Davide Ronzoni, Luca Marcheselli, Alessandro Zanilli
Ispettore del coro Pier Andrea Veneziani

Coproduzione Fondazione Teatro Comunale di Modena e Teatro Galli di Rimini
Allestimento Teatro di Pisa in collaborazione con Opéra Nice Côte d’Azur

Direttore di scena Claudia Capo
Maestri collaboratori Elena Montipò, Linda Piana
Scene realizzate su bozzetti di Allen Moyer
Disegno luci Nevio Cavina
Maestro collaboratore alle luci Isabella Gilli
Responsabile allestimenti e palcoscenico Gianamaria Inzani
Responsabile produzione Marco Galarini
Tecnici macchinisti Claudia Barbaresi (coordinatrice) Jacopo Bassoli, Francisco Cuzzi, Paolo Felicetti, Alessandro Gobbi, Antonio Maculan, Simone Messina, Filippo Parmeggiani
Tecnici elettricisti Andrea Ricci (coordinatore) Fabrizio Gargani, Andrea Generali, Daniele Giampieretti, Marcello Marchi, Mauro Permunian, Alessandro De Ciantis
Tecnico audio-video-fonico Pierluigi Ugolotti
Attrezziste Lucia Vella (coordinatrice) Francesca Paltrinieri
Sartoria Alessandro Menichetti (referente) Giulia Giannino, Alice Trenti, Federica Serra (aiuto sartoria) Carlos Salasan (aiuto sartoria)
Costumi forniti da Farani – Sartoria Teatrale, Roma e da Sartoria Teatrale Fiorentina di Massimo Poli
Calzature Pompei 2000
Soprattitoli Enrica Apparuti

Parrucche e trucco Filistrucchi: Gherardo Filistrucchi (coordinatore), Cinzia, Elena, Geanina, Lucia, Sofia, Valentina

ci scusiamo se, involontariamente, abbiamo scordato qualcuno

Truccare, imparruccare e acconciare in sicurezza

Anche per questo nuovo allestimento scenico il nostro intervento di trucco, acconciatura e imparruccamento sarà svolto in sicurezza secondo i protocolli anti covid della bottega dei quali già vi abbiamo parlato in questo articolo.

Lucia di Lammermoor, sinossi
Antefatto

La nobile famiglia Ashton, alla quale appartengono i fratelli Enrico e Lucia, ha usurpato i beni e il castello della famiglia Ravenswood, il cui unico erede è Edgardo. Edgardo e Lucia si amano segretamente.

Parte prima (La partenza)

Atto unico, quadro primo – Durante una battuta di caccia, Lord Enrico Ashton viene a sapere (da Normanno) dell’amore di Lucia per l’odiato Edgardo e giura di ostacolarlo con ogni mezzo.

Atto unico, quadro secondo – Nel parco del castello, Lucia attende Edgardo e racconta ad Alisa, sua dama di compagnia, l’antica lugubre storia di un Ravenswood che in quello stesso luogo uccise per gelosia la propria amata il cui fantasma, da quel giorno, si aggira inquieto presso la fontana. Lucia le confessa di avere visto ella stessa il fantasma (Regnava nel silenzio). Alisa interpreta il racconto come un cattivo presagio e mette in guardia Lucia dal rischio di subire la stessa sorte.

Edgardo annuncia a Lucia di dovere partire per difendere le sorti della Scozia. Ma prima intende stendere la mano in segno di pace al fratello di lei, Enrico, chiedendola in sposa. Lucia, consapevole dell’odio serbato dal proprio fratello nei confronti di Edgardo, chiede a quest’ultimo di attendere ancora. Edgardo e Lucia si scambiano gli anelli nuziali e si congedano giurandosi amore e fedeltà eterni (Verranno a te sull’aure).

Parte seconda (Il contratto nuziale)

Atto primo, quadro primo – Le lotte politiche che sconvolgono la Scozia indeboliscono il partito degli Ashton e avvantaggiano quello di Edgardo. Enrico, per riequilibrare le sorti della contesa e salvare la sua casata, impone alla sorella di sposare un uomo ricco e potente, Lord Arturo Bucklaw. Al rifiuto della fanciulla, che non ha mai ricevuto lettere di Edgardo poiché le stesse sono state intercettate e occultate da Enrico e da Normanno (armigero della casata Ravenswood), egli le dice che Edgardo ha giurato fede di sposo a un’altra donna, offrendole quale prova una falsa lettera, e con l’aiuto di Raimondo, direttore spirituale della ragazza, la convince ad accettare le nozze con Arturo.

Atto primo, quadro secondo – Arturo attende trepidante la promessa sposa all’altare. Lucia, sconvolta, firma il contratto nuziale, ma la cerimonia è sconvolta dall’inattesa irruzione di Edgardo (Chi mi frena in tal momento). Alla vista del contratto nuziale firmato da Lucia il giovane maledice l’amata e calpesta l’anello che lei gli aveva regalato. Lucia, impietrita dalla disperazione, gli ridà il suo.

Atto secondo, quadro primo – Enrico ed Edgardo si incontrano presso la torre di Wolferag e decidono di porre fine a ogni discordia con un duello, che viene fissato per il giorno dopo all’alba.

Atto secondo, quadro secondo – Al castello, la lieta festa nuziale viene interrotta da Raimondo, che tremante comunica agli invitati la notizia che Lucia, impazzita dal dolore, ha ucciso Arturo durante la prima notte di nozze (Dalle stanze ove Lucia). Lucia, fuori di sé, compare tra gli invitati con un pugnale tra le mani e gli abiti insanguinati. Ella crede di vedere Edgardo, immagina le sue nozze tanto desiderate con lui e lo invoca. Mentre il coro la compiange, entra Enrico, che saputo del misfatto, fa per uccidere la sorella, ma Raimondo e Alisa lo fermano, mostrandogli in che stato è ridotta. Lucia si scuote: crede di avere sentito Edgardo ripudiarla e gettare a terra l’anello che si erano scambiati. Lucia non regge al dolore, e muore nello sconcerto generale. Enrico fa portare via Lucia, mentre Raimondo accusa Normanno, il capo degli armigeri, di essere il responsabile della tragedia.

Atto secondo, quadro terzo – Giunto all’alba tra le tombe dei Ravenswood per battersi in duello con Enrico, Edgardo medita di farsi uccidere. D’improvviso è turbato dall’arrivo di una processione proveniente dal castello dei Lammermoor, piangendo la sorte di Lucia. La campana a morto annuncia la morte della ragazza. Edgardo, che non può vivere senza di lei, si trafigge con un pugnale (Tu che a Dio spiegasti l’ali).

LUCIA DI LAMMERMOOR regia Stefano Vizioli dopo il successo al Teatro Pavarotti Freni di Modena, repliche 5 e 7 Novembre al Teatro Galli di Rimini. Parrucche e trucco Filistrucchi. ultima modifica: 2021-11-01T09:09:22+02:00 da Gherardo Filistrucchi Parrucche e Trucco